Ma che belle crepe! Marchetto Pellami “Lo stile vintage è sempre più apprezzato”

Lo stile vintage, dopo aver calcato le passerelle, arriva nelle case che si vestono di look délabré, colori Vecchia Inghilterra, profondi, nei toni dei marroni, bordeaux, verdi e grigi, con complementi d’arredo che paiono ibridi polverosi usciti da chissà quale soffitta. Ci si riferisce, soprattutto per divani e poltrone, agli anni ’50 e ‘60, quindi niente a che vedere con l’antiquariato, i cui pezzi devono avere almeno cento anni. Molti sono oggi i cultori di questo stile retrò. Malinconia da alberi genealogici che fa diventare il divano della nonna degno di nuova considerazione. Per chi invece avesse sì nostalgia di quel passato, ma una soffitta perfettamente ripulita, i produttori di divani e poltrone in pelle stanno riproponendo lo stile vintage, in genere riferendosi ai modelli Chesterfield, utilizzando pellame adeguatamente rifinito. “Sono pelli dai toni solitamente scuri, che vengono rifinite per ottenere un aspetto  consumato – spiegano i tecnici di Marchetto Pellami – ma sono ovviamente appena conciate e sapientemente studiate negli accostamenti tra i colori di fondo e i pigmenti della finitura o delle cere.  Le finiture sono molto leggere per consentire una estetica più naturale e meno plastica, effetti pull- up che rivelano le diverse gradazioni del fondo e schiarenti che fanno acquisire con l’utilizzo quell’aria di consumato in perfetto stile vintage. Altre finiture fanno intuire crepe e  venature, tutte le tracce di un tempo in realtà mai trascorso”. Molti sono i marchi dell’arredo che stanno proponendo questo viaggio a ritroso nel  tempo, affascinante e niente di più lontano dall’idea di logoro o sciatto. Grazie all’uso quotidiano i pellami cambiano aspetto, rendendo questi divani dei veri e propri pezzi unici che daranno alla casa un tocco di irripetibile sapore retro.

Effetti vintage per complementi d'arredo stile retrò da Marchetto Pellami

Effetti vintage per complementi d’arredo stile retrò da Marchetto Pellami

Related Posts

1 Comment